KENYA

DIANI BEACH

DianiDiani Beach is a major beach resort on the Indian Ocean  coast of  Kenya  (in eastern Africa). It is located 30 kilometres (19 mi) south of  Mombasa , in the nearby Kwale county  The beach is about 10 kilometres (6 mi) long, from the Kongo river to the north and Galu beach to the south (the southern point of reference is an old Baobab tree). It is adjacent to the town of  Ukunda , the population of which nears 100,000 inhabitants. A small airstrip is located between the beach area and the Mombasa-Lunga Lunga road. The water remains shallow near shore, with some underwater sandbars near the surface which allow wading with a clear view of the sandy bottom. Inland from the beach, there is extensive vegetation , including numerous palm trees which cover the coastal areas, unlike the dry acacia trees of the mountainous  Kenyan Highlands . The general area is known for its  coral reefs , black-and white colobus monkeys, and for the closely located shimba hills national reserve  , a wildlife reserve which looks out over the Indian Ocean. Diani Beach has high-class restaurants, hotels, supermarkets, and several shopping centres. Diani Beach is also a popular kitesurf location.

 

THE MAJI BOUTIQUE HOTEL

majiboutique2 L’albergo a cui ci appoggiamo per i nostri tour e per le nostre estensioni mare dopo il safari è uno spettacolare albergo che da a questa parte di costa un tocco di classe importante A Spectacular Exclusive, Multi-Star Beach Boutique Hotel Introducing to the Kenyan coast a new dimension in design concept and hospitality Maji is the Swahili word for water. Water is life and water embraces the “good life” at “The Maji”. The Indian Ocean caresses the reserved beach, three sides of the hotel are surrounded by the extensive swimming pool springing out from the heart of the hotel lobby and other water features enrich the ambiance further. “The Maji” was chosen as the best name for this exciting Boutique Hotel.

 

 

 

MAASAI MARA

Maasai Mara

La riserva faunistica di Masai Mara (o Maasai Mara), in inglese Masai Mara Game Reserve o Masai Mara National Reserve, è una grande riserva naturale situata nella parte sudoccidentale del Kenya, nella pianura di Serengeti. Amministrativamente, la parte orientale fa parte deldistretto di Narok, quella occidentale del distretto di Transmara.

La riserva è confinante con il Parco del Serengeti in Tanzania, con il quale forma un unico ecosistema. Il nome della riserva deriva dal nome del popolo Masai (che abita varie zone nella pianura di Serengeti) e del fiume Mara. La riserva è nota per l’eccezionale concentrazione di fauna e per la celebre migrazione di gnu e zebre che ha luogo in ottobre e in aprile.

La superficie del Masai Mara è di 320 km². L’intera area è attraversata dalla Grande Rift Valley che unisce il Mar Mediterraneo al Sudafrica. L’habitat più rappresentato è quello della prateria africana o savana, punteggiata dalle tipiche acacie nella zona sudorientale. La maggior parte della fauna è concentrata sul bordo occidentale, dove la pianura paludosa è ricca d’acqua e meno frequentata dai turisti, che si concentrano nella zona orientale, a circa 224 chilometri da Nairobi.

Migrazione di gnu e zebre nel Maasai Mara

L’icona più nota del Masai Mara è probabilmente l’immagine del leone, di cui si trovano grandi branchi; nel parco sono comunque presenti tutti i cosiddetti Big Five, sebbene la popolazione dirinoceronti sia in serio pericolo (nel 2000 si stimava la presenza di appena 37 esemplari). Gliippopotami sono numerosi nel fiume Mara e nel fiume Talek. I ghepardi sono anch’essi presenti, ma anch’essi sono considerati in pericolo, forse anche a causa del disturbo che i turisti causano alla loro attività di caccia diurna.

Come nel Parco del Serengeti, gli gnu sono i principali abitanti (milioni di esemplari). Essi migrano dal Serengeti al Masai Mara in autunno e viceversa in primavera. Numerose sono anche altre specie di antilopi, in particolare la gazzella di Thomson e la gazzella di Grant, gli impala, e altre. Grandi branchi di zebre si trovano ovunque nella riserva. Nella pianura abitano anche giraffe (sia giraffe Masai che giraffe comuni). L’avifauna comprende centinaia di specie.

La riserva, istituita nel 1961, non è protetta come parco nazionale ma come riserva faunistica (game reserve); di conseguenza non viene amministrata dal Kenya Wildlife Service (l’istituzione governativa di protezione dell’ambiente) ma dalle autorità distrettuali locali. I biglietti d’ingresso al Masai Mara (come agli altri parchi nazionali) costituiscono un’importante fonte di reddito per il Kenya; il biglietto d’ingresso nel 2004 costava 30 dollari americani. All’interno del parco non mancano strutture ricettive, dai confortevoli lodge ai campi tendati.

Nel parco lavorano numerose unità anti-bracconaggio che pattugliano le zone non frequentate dai turisti.

TSAVO

tsavoCon una superficie complessiva di 21.812 km², lo Tsavo è il più grande parco naturale del paese. Appartiene a un sistema di parchi adiacenti che include il parco nazionale delle colline Chyulu, la riserva naturale di Ngai Ndethia e la riserva naturale di South Kitui, per una superficie totale complessiva di oltre 23.000 km² (pari all’intera Toscana). Il parco fu aperto nell’aprile del 1948 e nel maggio dello stesso anno venne suddiviso, ai fini amministrativi, in parco nazionale dello Tsavo orientale (Tsavo East National Park) e parco nazionale dello Tsavo occidentale(Tsavo West National Park). I due parchi sono divisi dalla strada che va da Nairobi a Mombasa (la A109) e dalla ferrovia, parte della Uganda Railway costruita dagli inglesi alla fine del XIX secolo. Entrambi sono amministrati dal Kenya Wildlife Service. Il centro abitato più vicino è il villaggio di Voi, nel distretto di Taita, Coast Province. Il parco prende il nome dal fiume Tsavo, che lo attraversa.

 

This post is also available in: Italian